Feste dei 18 anni: ecco due party a Milano

La festa di Licia e Lorenzo: due feste dei 18 anni a Milano con DJ set, impianto luci e audio. Jody e Mr. Ricky in consolle

Nel video che potete vedere qui sopra, rigorosamente registrato in presa diretta, la festa di Licia. Qui sotto, invece, quella di Lorenzo. Immagina la tua! A disposizone per info e preventivi, contattaci a info@dj4.it

Primavera 2021: tante canzoni nuove da ballare per la tua festa

Amici di DJ4 rieccoci qui con un aggiornamento musicale, che, stavolta, speriamo ci porti, di qui a poco, a ritornare a poter festeggiare con voi. Ormai ci siamo quasi, tantoché sono già ripresi gli spettacoli dal vivo: si sono già tenuti negli ultimi due mesi dei concerti live, senza che i contagi salissero (ad esempio, a Barcellona, a Liverpool  e in Cina a Wuhan). E presto torneremo anche noi a farvi ballare. Intanto, ecco, in ordine di apparizione nel nostro “10 songs in 10 minutes”, le canzoni di questa primavera 2021… che molto probabilmente ci porteremo anche nell’estate.

Cominciamo con il primo pezzo con cui si apre il nostro mix: Montero (Call Me By Your Name), del rapper Lil Nas X, è più di un singolo, più di una semplice video. Una vera e propria lettera scritta da Lil Nas X al sè stesso ragazzino, un invito a difendere la propria identità, ad essere sé stessi al di là di ogni pregiudizio. La citazione tra parentesi è al romanzo di André Aciman da cui è tratto il bellissimo film di Luca Guadagnino, mentre l’uscita del brano è stata accompagnata da un post su Instagram.

Passando all’ R&B, invece  il grande successo di questa primavera (ha debuttato in cima alla Billboard hot 100) è senz’altro Peaches di Justin Bieber con la collaborazione di Daniel Caesar, Giveon.

Altra collaborazione quella per “Titans“, con cui i Major Lazer (in particolare Diplo) tornano, dopo i successi del supergruppo LSD,  a lavorare con Sia e Labrinth. Titans  è un pezzo dal  reggaeton brillante, allegro che si presterà bene a riempire la pista  nelle vostre feste targate DJ4, probabilmente anche in estate.

E il nostro “10 songs in 10 minutes” prosegue con un po’ di musica dance: due vere superstar provenienti da due continenti diversi sono gli artefici di uno dei brani più interessanti di questa primavera. Stiamo parlando di Alok, DJ sudamericano autore tra l’altro recentemente di alcuni remix con popstar internazionali (Dua Lipa e Meduza) e di Timmy Trumpet, disc jockey trombettista e produttore discografico australiano (suo il famosissimo brano “Freaks” del 2015). Il remix di La Vision (ovvero Marco Sissa, noto ai più per il brano “Hollywood” nato dalla collaborazione con Gigi D’Agostino) fa entrare di diritto questa Underwater Love (LA Vision Extended Remix) nei nostri cuori!

Un altro pezzo d’Italia, con Musica leggerissima di Colapesce e Dimartino. Partita dal Festival di Sanremo ha  calato rapidamente le classifiche nostrane. Noi vi proponiamo ovviamente la versione remix, appena uscita, del mitico Cerrone: atmosfera vintage e coinvolgente per un pezzo da festa !

Non è appena uscita (anzi risale all’anno scorso) ma “resiste”, il brano di Saint JhnRoses (Imanbek Remix). Sta avendo tutt’ora un grandissimo successo e finisce di diritto nella playlist di DJ4, da suonare anche negli anni a venire!

Poteva mancare, nella classifica targata DJ4 delle migliori hits primaverili, Purple Disco Machine? Con Fireworks, il DJ tedesco mette a segno un altro colpo da maestro, dopo i successi del 2020,  Hypnotized (con i Sophie and the Giants) e  Exotica (feat. Mind Enterprises).

Cambiamo sonorità e  ritmo, con due canzoni dance molto legate alla dance anni 90: Riton x Nightcrawlers – Friday  e Your Love (9PM) di ATB, Topic e A7S. Partiamo dal primo. Friday è un singolo del DJ britannico Riton che si basa su Push the Feeling On (datato 1992) degli scozzesi Nightcrawlers (fu un successo mondiale, e pure in Italia andò forte in discoteca).  

Torniamo a parlare di amore con Your Love (9PM) di ATB, Topic e A7S. In verità vero e proprio amore è quello che noi di DJ4 proviamo per 9 PM (Till I Come), brano del 1998 che ha fatto la storia della Dance e di cui Your Love è il primo remix ufficiale. L’amore è confermato: operazione riuscita!

E finiamo con un altro remix, stavolta di una hit famosissima degli anni 70, Rasputin, dei Boney M (band che ha venduto 150 milioni di dischi), riproposto da DJ Majestic (anche in questo caso, un artista inglese) produttore di KISS FM. Una bella operazione: suoni attuali e accattivanti con un pizzico di retrò, che stanno facendoci ballare tutti… per ora… da soli. E, ne siano certi, tra poco potremo ballarla tutti insieme! Alla prossima festa targata DJ4!

VUOI ANCHE TU UNA FESTA by DJ4, CON LE HIT DEL MOMENTO E DI SEMPRE? 🙂
Cosa aspetti a contattarci per rendere memorabile il Tuo Evento?

Compila il modulo ora!

 

OSCAR 2021: MUSICA DA STAR PER LA TUA FESTA

Oscar 2021: dalle colonne sonore dei film della più importante rassegna del cinema mondiale, ecco gli spunti più interessanti per la vostra prossima festa.

“Non dico alle persone quando dovrebbero emozionarsi, ma cerco di mostrare loro che possono provare emozioni” ha detto in un’intervista Hans Zimmer,  uno dei più importanti compositori di musica autore di premiatissime e celebri colonne sonore (Rain Man, il Re leone, Dunkirk e molte altre).

E noi di DJ4 è proprio di questo che vogliamo parlarvi: dell’importanza della musica nel cinema!

Quale modo migliore che farlo ripercorrendo l’appena trascorsa lunga notte degli Oscar 2021?

Partiamo dai vincitori!

La migliore colonna sonora originale è quella di Soul, film di animazione della Disney Pixar che ha ricevuto grandissimo apprezzamento di pubblico e critica (vincendo tra l’altro l’oscar anche come miglior film di animazione). Di sicuro si tratta di musica più adatta all’ascolto che a far festa, ma con alcune piccole perle che possono fare da sottofondo a momenti soft in party sofisticati. Due i filoni musicali principali che la compongo: quello jazz ad opera di Jon Batiste e quello elettronico (new age) curato da Trent Reznor e Atticus Ross. Un lavoro complesso e davvero di qualità, con una chicca nei titoli di coda: una versione riarrangiata di “It’s All Right” successo datato  1963 dei The Impressions.

E a proposito di jazz noi di DJ4 amiamo proporre uno degli strumenti principe del Jazz, ovvero il sassofono, in abbinamento ai nostri DJ set per ricreare atmosfere speciali, che attraversano le musica lounge per passare alla house, per ballare. Eccone qui un assaggio.

Per quanto riguarda, invece, le migliori canzoni originali, ha trionfato l’R&B di H.E.R. con Fight For You dal film “Judas and the Black Messiah”. Proprio H.E.R., che con  questo ambito premio conferma di essere al centro della scena R&B, aveva avuto di recente l’onore di cantare “America the beautiful” in occasione del Super bowl 2021.

Ma oltre ai vincitori altre nomination hanno attirato la nostra attenzione.

Da 5 Bloods” è il film di Spike Lee ambientato ai tempi della guerra del Vietnam, con una colonna sonora ricca di classici intramontabili dell’epoca. Non possiamo non citare, in particolare, Inner City Blues (Make Me Wanna Holler) e Got To Give It Up di Marvin Gaye, per quel tocco di classe in più che noi di DJ4 amiamo mettere al momento opportuno. Per esempio, nei nostri DJ set su vinile, dedicati agli aperitivi: ascoltane un assaggio!

Alcuni intermezzi jazz-swing in pieno stile anni Trenta e Quaranta animano, invece, la colonna sonora di Mank (alternandosi e interrompendo sonorità di fondo più cupe).  A proposito: DJ4 ha realizzato un progetto ad hoc per un party a tema, che riprende le atmosfere swing dell’epoca, ma le reinventa con una selezione electro-swing che vi farà ballare tutti!

Ma la vera promessa della musica, da tenere d’occhio è la giovane e talentuosa Celeste.

Qualcuno la ricorderà forse come vocalist in produzioni importanti come il singolo Touch Me di Avicii. Nel corso del 2020 Celeste si è affermata sulla scena britannica e internazionale, collaborando, tra l’altro, con il fratello/produttore di Billie Eilish, Finneas, per il singolo I Can See the Change. Fino ad arrivare agli oscar con la candidatura di “Hear My Voice” per il film Il processo ai Chicago 7. Che stile! Chissà che non ci regali qualche pezzo da inserire nelle nostre playlist d’eccezione per i vostri party targati DJ4!

CD vs. Vinile: l’analogico supera il digitale. E non solo nelle vendite…

Già nel 2020 negli Stati Uniti i ricavi dei CD erano stati superati da quelli dei vinili; ora, anche in Italia: il caro vecchio disco, dopo 30 anni, torna a sorpassare il compact disc (formato digitale nato nel 1982, da un accordo tra Philips e Sony). Ne dà la (lieta, per noi) notizia la fonte ufficiale della musica nel nostro paese, la Fimi, l’associazione industriale delle più importanti case discografiche: nel primo trimestre del 2021, per la prima volta dal 1991, gli LP hanno mosso un giro d’affari superiore al CD, e non di poco:  il vinile ha generato vendite per 4,7 milioni a fronte di 4,4 milioni del “cugino” digitale.

A stupire in particolare il ritmo di crescita: Il vinile è cresciuto del 121% rispetto allo stesso periodo del 2020 ( il CD segna il passo con una flessione del 6%). Ad oggi, quindi, le vendite del caro vecchio “disco nero” rappresentano l’11% del mercato musicale nostrano, in una scena che, non dimentichiamolo, è comunque dominata dallo streaming, con l’80% del fatturato totale. Importante notare che anche questo comparto ha fatto segnare un incremento del 37 per cento: come dire, il vinile è esploso, ma non a scapito dello streaming, che ormai, è da considerare il vero antagonista dell’analogico, dato che il CD, a meno di un operazione nostalgia (magari, tra qualche anno…) è destinato a breve a diventare sempre più marginale.

DJ PER FESTE CON DISCHI DI VINILE: LA NOSTRA PROPOSTA DJ4 “APERIVINYL”

La notizia della riscossa dei dischi di vinile anche nel nostro paese non fa che piacere a a noi di DJ4, che abbiamo sempre creduto in questo supporto, che è stato al nostro fianco sin dai primi anni 90, quando Jody Belli ha cominciato la sua avventura nel mondo del DJing (imparare a mixare con i vinili è stata una vera e propria palestra per fare il mestiere del DJ!). Tornando a noi, oggi vogliamo porre l’accento in particolare sul revival anni 70: abbiamo a disposizione una collezione davvero enorme di vinili di qualità per una selection disco-funky anni 70 (e primissimi 80) per aperitivi di classe (Earth, Wind & Fire, The Temptations, James Brown, George Benson e tanti altri), per poi proseguire la serata scatenandosi in pista. Le feste vintage con i vinili hanno qualcosa di magico… e se volete prenotare anche voi un po’ di magia “vinilica”, non vi rimane che cliccare qui, per scoprire il nostro progetto esclusivo “Aperivinyl”, di cui potete vedere (e sentire) un assaggio nel video qui sotto.

Festival di Sanremo 2021: idee per la tua prossima festa con DJ4

IL TOCCO INTERNAZIONALE DI ELODIE – Si è conclusa una edizione decisamente particolare del Festival di Sanremo. Qualcuno l’ha definita l’edizione della resilienza in un momento in cui teatri, musica live e cinema  stanno vivendo un periodo davvero difficile. Un Sanremo surreale il numero 71, in primo luogo per la mancanza del pubblico in sala, e di quello fuori del teatro, delle passerelle dei vip e delle interviste “rubate” in ogni angolo della città di Sanremo. 

Altra assenza quella delle grandi star internazionali spesso attese più dei cantanti in gara, a farci sentire un po’ meno la mancanza delle star internazionali è stata l’esibizione di altissimo livello di Elodie. È la sua a nostro giudizio la più interessante e coinvolgente performance del Festival. 

Nulla è lasciato al caso. Una esibizione, in stile Beyoncé, con una presenza scenica che non ha nulla da invidiare alle performance di grandi star in manifestazioni internazionali come ad esempio l’half time show del Superbowl… ma è stata anche una performance personale, pensata e studiata attentamente sulle sue caratteristiche  come ha precisato la stessa Elodie, che ha tra l’altro commosso il pubblico con un  monologo, profondo e spontaneo allo stesso tempo, sulle difficoltà della  sua vita. 

JAZZ A SANREMO E… DJ SET + SAX PER LE VOSTRE FESTE – Sul palco dell’Ariston Elodie ha portato un medley brioso e pieno di energia omaggio alla musica  italiana, ma anche un momento intimo e di altissimo profilo musicale nell’esibizione di “Mai così” con il pianista Mauro Tre, che ha creduto in lei da subito e l’ha spronata ad andare avanti. “Con lui ho scoperto che il jazz non è snob” ha dichiarato questa bravissima artista che possiamo definire decisamente poliedrica. 

Siamo particolarmente grati ad Elodie per questa sofisticata esibizione, perché amiamo il jazz e, infatti, un nostro progetto è legato a doppio filo con questo genere musicale. Per gli aperitivi cool e le serate house “pettinate”, i nostri DJ set sono abbinati al sassofono; i nostri sassofonisti sono dei jazzisti di fama, con cui abbiamo messo a punto dei DJ set di cui vogliamo darvi un assaggio QUI  

MANESKIN E FESTE ROCK – Ma torniamo alla gara… questo Sanremo non passerà alla storia solo perché è stato il Festival dell’anno della pandemia ma anche perché è stato il Sanremo che ha consacrato il rock italiano. Hanno vinto infatti i Maneskin con “Zitti e buoni” un brano che già solo per essere cantato a Sanremo sdogana il rock … la vittoria poi rappresenta una vera svolta. Per noi di DJ4 , “Zitti e buoni” è una ottima new entry che ci dà la possibilità di ricordarvi che ci occupiamo di feste private anche per gli amanti del rock. QUI trovi un assaggio di quello che possiamo fare… Rock your party! (con un occhio anche al rock tricolore).

IL “RITORNO AL FESTIVAL” DI JOVANOTTI – Nella serata delle cover ci ha colpito molto l’esibizione  di Fulminacci con Valerio Lundini e il trombettista  Roy Paci in “Penso positivo” di Jovanotti, direttamente dall’album Lorenzo 1994. Una reinterpretazione funky a nostro avviso riuscita, anche se diversa dall’originale, di uno dei successi più iconici di un artista davvero molto amato nelle nostre feste. Che accanto a brani molto romantici e di grande successo ci ha regalato anche canzoni di grande energia, perfette per creare momenti di  aggregazione e coinvolgimento. Come anche Ragazzo fortunato (nella serata delle cover è stata interpretata da Random e i The Colors (a dire il vero, in questo caso, con un esito quantomeno discutibile… l’originale di Lorenzo, invece, è “mitica”).

DALL’ARISTON ALLA DISCOTECA – E per finire… una finestra sul futuro. L’esperienza ci ha insegnato che nel corso dei giorni successivi alFestival nasce un proliferare di versioni dance dei successi dell’Ariston, pe portare alcuni dei pezzi in discoteca (sperando che si potrà tornare presto a ballare…). Un esempio recente è stata la versione del Dj emiliano Benny Benassi di Occidentali’s Karma di Francesco Gabbani. Ve la ricordate?

E quest’anno, ci possiamo scommettere, sarà “La genesi del tuo colore” di Irama a essere remixata da un grande DJ produttore (magari da Benny Benassi?) per farci ballare alla grande, anche se, bisogna dirlo, già nella versione originale, la canzone di Irama “promette bene” e ha già una bella carica.

Dal Super Bowl 2021 al tuo party? Perché no!

Anche quest’anno il Super Bowl è stato un evento magico dal punto di vista musicale, e non possiamo non raccontarvelo, per prendere degli spunti  per la vostra prossima festa con noi di DJ4! Prima, una breve “inquadratura” dell’evento: nella notte tra domenica 7 e lunedì 8 febbraio, al Raymond James Stadium di Tampa, in Florida, si è tenuta la 55° finale della National Football League: Tampa Bay Buccaneers (che hanno avuto la meglio) vs. Kansas City. In tempi pre-pandemia, il Super Bowl prevede settimana di eventi musicali in una città (di volta in volta diversa) che viene assediata decine di migliaia di persone; basta pensare che gli stadi mediamente ospitano 70.000 spettatori. Quest’anno, lo stadio era occupato per un terzo della capacità ed erano presenti 7.500 operatori sanitari a cui è stato regalato il biglietto

Sponsorizzato come al solito da Pepsi, l’evento è stato comunque… frizzante! Se l’edizione del 2020 aveva visto sul palco Jennifer Lopez e Shakira, quest’anno i due ospiti più importanti sono stati The Weeknd e Miley Cirus. In merito al cantante canadese, segnaliamo tra l’altro che proprio in questi giorni i biglietti per l’unica data italiana di dicembre 2022 sono andati esauriti in pochi minuti. The Weekend si è esibito nell’Halftime show con i suoi maggiori successi, a partire da Starboy (canzone di apertura) per poi seguire con The Hill a Can’t feel my face e, del suo ultimo album “The Highlights” uscito lo scorso 5 febbraio, Save your tears. In totale, ben sette canzoni, molte delle quali rientrano senza dubbio tra le nostre preferite: in molte feste, The Weekend viene spesso proposto, specie nelle prime fasi, per cominciare a “dare il ritmo” alla serata: per esempio, Secrets, con un bel ritmo (che però non ha proposto al super bowl).

 L’apertura della serata è stata eseguita da Miley Cirus, con il suo look da cheerleader, ch ha anticipato il suo nuovo spettacolo musicale, TikTok Tailgate, cantando Nothing breaks like a heart e la spensierata Party In The U.S.A. che in passato abbiamo davvero “consumato”, e che talvolta, proponiamo ancora oggi.

Sul palco, poi, si è esibita anche con il leggendario Billy Idol: nelle feste rock (LINK) il rocker americano può fare la differenza!

A cantare l’Inno Nazionale, prima dell’inizio del match, la coppia composta dall’artista country Eric Church e da Jazmine Sullivan, a rappresentare il mondo dell’ R&B. Infine, H.E.R., (ovvero, Gabriella Wilson) ha avuto l’onore di interpretare “America the beautiful“.

VUOI ANCHE TU UNA FESTA... DA BOMBER DEL SUPER BOWL? 🙂
Cosa aspetti a contattarci per rendere memorabile il Tuo Evento?

Compila il modulo ora!

 

2020: LA MUSICA DA SALVARE. DJ4 PER “ILSUSSIDIARIO.NET”

Pure quest’anno il quotidiano online “Il Sussidiario” ci ha interpellati per fare il bilancio musicale degli ultimi 12 mesi (qui l’articolo per esteso, pubblicato il 31 dicembre; in questo post, a distanza di qualche giorno, vi diamo una breve preview e vi ricordiamo che è possibile accedere al “best 2020” anche attraverso la playlist di Youtube).
Il 2020 è stato l’anno delle riconferme, da Dua Lipa, che non ha sbagliato un colpo (“Don’t Start Now”, “Break My Heart”, “Levitating” e “Un dia (One day)” in collaborazione con J Balvin), ai Black Eyed Peas di “Mamacita” e “Girl like me” (in collaborazione con Shakira), a Lady Gaga, con “Stupid Love”, il singolo del debutto, e “911” e “Rain on Me” (con Ariana Grande).
Nell’ “all the best” del 2020 non potevamo poi trascurare anche i grandi successi che ci stanno ancora accompagnando in questo inizio 2021: “Take You Dancing” di Jason Derulo (“Savage Love”, invece era il suo successo primaverile) e “Save Your tears” di The Weeknd (il singolo “Blinding Lights”, invece, ci ha tenuto compagnia nella prima parte del 2020).
E la musica dance? Gigi d’Agostino con “Hollywood” è tra le pietre miliari del 2020, insieme a Bob Sinclar (“I’m on my way”) e, soprattutto, ai Purple Disco Machine: “In My Arms” , “Hypnotized” e “Exotica” le grandi hit di questo prolifico dj tedesco. Da citare Paradise dei Meduza, Business di Tiesto e Lovelife di Benny Benassi. Da ballare anche due pezzi di casa nostra: Shiva feat. Eiffel 65 con Auto Blu e Fedez con Bimbi per strada. E questi sono sono solo alcuni dei pezzi che analizziamo nell’articolo scritto per il Sussidiario.

Per rimanere sul fronte nostrano, di cui, però, non possiamo anticipare troppo… non mancano, nell’articolo de “Il Sussidiario” riferimenti ai Boomdabash, con “Karaoke” (in collaborazione con Alessandra Amoroso), ai Takagi&Ketra con “Ciclone”, cantata da Elodie, e all’eclettico Achille Lauro. Ma anche il filone hip-hop è rappresentato da Sfera ebbasta, con “Famoso” e da Gue Pequeno, con “Mr. Fini”.

VUOI COMINCIARE IL 2021 ALLA GRANDE? Cosa aspetti a contattarci per rendere memorabile il Tuo Evento?

Compila il modulo ora!

 

MTV Europe Music Award: un po’ di idee per le vostre feste direttamente dagli Ema 2020

Anche quest’anno non potevamo rimanere indifferenti a una delle manifestazioni musicali più importanti del mondo, ovvero gli MTV Europe Music Award, che, come sempre seguono di qualche mese i Video Music Award (ne abbiamo parlato QUI). Questa è la 26esima edizione (!) (l’ultima volta che è gli EMA sono stati ospitati in Italia, è stato nel 2015 a Milano). Ma tornando ai giorni nostri, ecco cosa cui è piaciuto di più dell’evento che, come da tradizione, ha unito gli artisti della scena, sebbene, stavolta, solo “virtualmente”: l’evento si è tenuto in streaming da Londra.

Partiamo dal premio che è più vicino al nostro mondo: il Best Electronic, andato al DJ David Guetta, “fresco” , tra l’altro, dal riconoscimento più ambito di tutti i dj del mondo: sabato 7 novembre è stato annunciato al numero uno della famosa DJ Mag Top 100 (guarda qui sotto il video di quella epica serata). Insomma, per il 53enne francese, questo 2020, a livello di live è stato, per forza di cose, sotto tono, ma si è ampiamente consolato con i titoli conseguiti… e con le tante visualizzazioni dei suoi video. Basti pensare che una delle sue hit che amiamo suonare di più nelle vostre feste ed eventi (la ballatissima Play Hard: eccola) ha superato il miliardo di visualizzazioni.

Ma manteniamo alto il ritmo, e parliamo della grande vittoria per Lady Gaga nella categoria Best Artist (ma lady Germanotta era accreditata di ben sette nomination). La sua 911 ci sta ancora tenendo compagnia, e l’abbiamo ballata alla grande… sino a che non chiudessero di nuovo le discoteche.

Altra canzone molto ballata, sebbene in questo caso, i ritmi siano reggaeton, è Tusa di Karol G (Carolina Giraldo Navarro, cantante colombiana) che ha trionfato nelle ambite categorie Best Latin e Best Collaboration grazie al duetto con Nicki Minaj.

Il racconto della serata non sarebbe completo senza citarvi alcune esibizioni incredibili, tra cui Doja Cat (ha vinto il premio Best New) che ha cantato in una ambientazione in uno stile a metà tra il dark e il “bucolico” (un prato in un sala da concerto semi-buia) una davvero convincente versione rock di “Say So”.

Altra esibizione notevole quella delle Little Mix, che oltre ad aver condotto la serata hanno ballato e cantato “Sweet Melody” mettendo in scena una perfetta coreografia ambientata in una speciale piramide postmoderna. In questa edizione 2020 degli EMA hanno portato casa il premio come Best Pop e Best UK & Ireland Act.

Infine, come non citare i BTS, il gruppo coreano ormai famoso anche in Europa, Italia compresa? Oltre ad avere vinto il premio Best Song per Dynamite, hanno “sbancato” letteralmente la serata, con i riconoscimenti come Best Group, Best Virtual Live, Biggest Fans.


Ci rivediamo… speriamo con il pubblico in sala e non solo virtuale, alla prossima edizione, la numero 27 del 2021. See you soon! 🙂