OSCAR 2021: MUSICA DA STAR PER LA TUA FESTA

Oscar 2021: dalle colonne sonore dei film della più importante rassegna del cinema mondiale, ecco gli spunti più interessanti per la vostra prossima festa.

“Non dico alle persone quando dovrebbero emozionarsi, ma cerco di mostrare loro che possono provare emozioni” ha detto in un’intervista Hans Zimmer,  uno dei più importanti compositori di musica autore di premiatissime e celebri colonne sonore (Rain Man, il Re leone, Dunkirk e molte altre).

E noi di DJ4 è proprio di questo che vogliamo parlarvi: dell’importanza della musica nel cinema!

Quale modo migliore che farlo ripercorrendo l’appena trascorsa lunga notte degli Oscar 2021?

Partiamo dai vincitori!

La migliore colonna sonora originale è quella di Soul, film di animazione della Disney Pixar che ha ricevuto grandissimo apprezzamento di pubblico e critica (vincendo tra l’altro l’oscar anche come miglior film di animazione). Di sicuro si tratta di musica più adatta all’ascolto che a far festa, ma con alcune piccole perle che possono fare da sottofondo a momenti soft in party sofisticati. Due i filoni musicali principali che la compongo: quello jazz ad opera di Jon Batiste e quello elettronico (new age) curato da Trent Reznor e Atticus Ross. Un lavoro complesso e davvero di qualità, con una chicca nei titoli di coda: una versione riarrangiata di “It’s All Right” successo datato  1963 dei The Impressions.

E a proposito di jazz noi di DJ4 amiamo proporre uno degli strumenti principe del Jazz, ovvero il sassofono, in abbinamento ai nostri DJ set per ricreare atmosfere speciali, che attraversano le musica lounge per passare alla house, per ballare. Eccone qui un assaggio.

Per quanto riguarda, invece, le migliori canzoni originali, ha trionfato l’R&B di H.E.R. con Fight For You dal film “Judas and the Black Messiah”. Proprio H.E.R., che con  questo ambito premio conferma di essere al centro della scena R&B, aveva avuto di recente l’onore di cantare “America the beautiful” in occasione del Super bowl 2021.

Ma oltre ai vincitori altre nomination hanno attirato la nostra attenzione.

Da 5 Bloods” è il film di Spike Lee ambientato ai tempi della guerra del Vietnam, con una colonna sonora ricca di classici intramontabili dell’epoca. Non possiamo non citare, in particolare, Inner City Blues (Make Me Wanna Holler) e Got To Give It Up di Marvin Gaye, per quel tocco di classe in più che noi di DJ4 amiamo mettere al momento opportuno. Per esempio, nei nostri DJ set su vinile, dedicati agli aperitivi: ascoltane un assaggio!

Alcuni intermezzi jazz-swing in pieno stile anni Trenta e Quaranta animano, invece, la colonna sonora di Mank (alternandosi e interrompendo sonorità di fondo più cupe).  A proposito: DJ4 ha realizzato un progetto ad hoc per un party a tema, che riprende le atmosfere swing dell’epoca, ma le reinventa con una selezione electro-swing che vi farà ballare tutti!

Ma la vera promessa della musica, da tenere d’occhio è la giovane e talentuosa Celeste.

Qualcuno la ricorderà forse come vocalist in produzioni importanti come il singolo Touch Me di Avicii. Nel corso del 2020 Celeste si è affermata sulla scena britannica e internazionale, collaborando, tra l’altro, con il fratello/produttore di Billie Eilish, Finneas, per il singolo I Can See the Change. Fino ad arrivare agli oscar con la candidatura di “Hear My Voice” per il film Il processo ai Chicago 7. Che stile! Chissà che non ci regali qualche pezzo da inserire nelle nostre playlist d’eccezione per i vostri party targati DJ4!

CD vs. Vinile: l’analogico supera il digitale. E non solo nelle vendite…

Già nel 2020 negli Stati Uniti i ricavi dei CD erano stati superati da quelli dei vinili; ora, anche in Italia: il caro vecchio disco, dopo 30 anni, torna a sorpassare il compact disc (formato digitale nato nel 1982, da un accordo tra Philips e Sony). Ne dà la (lieta, per noi) notizia la fonte ufficiale della musica nel nostro paese, la Fimi, l’associazione industriale delle più importanti case discografiche: nel primo trimestre del 2021, per la prima volta dal 1991, gli LP hanno mosso un giro d’affari superiore al CD, e non di poco:  il vinile ha generato vendite per 4,7 milioni a fronte di 4,4 milioni del “cugino” digitale.

A stupire in particolare il ritmo di crescita: Il vinile è cresciuto del 121% rispetto allo stesso periodo del 2020 ( il CD segna il passo con una flessione del 6%). Ad oggi, quindi, le vendite del caro vecchio “disco nero” rappresentano l’11% del mercato musicale nostrano, in una scena che, non dimentichiamolo, è comunque dominata dallo streaming, con l’80% del fatturato totale. Importante notare che anche questo comparto ha fatto segnare un incremento del 37 per cento: come dire, il vinile è esploso, ma non a scapito dello streaming, che ormai, è da considerare il vero antagonista dell’analogico, dato che il CD, a meno di un operazione nostalgia (magari, tra qualche anno…) è destinato a breve a diventare sempre più marginale.

DJ PER FESTE CON DISCHI DI VINILE: LA NOSTRA PROPOSTA DJ4 “APERIVINYL”

La notizia della riscossa dei dischi di vinile anche nel nostro paese non fa che piacere a a noi di DJ4, che abbiamo sempre creduto in questo supporto, che è stato al nostro fianco sin dai primi anni 90, quando Jody Belli ha cominciato la sua avventura nel mondo del DJing (imparare a mixare con i vinili è stata una vera e propria palestra per fare il mestiere del DJ!). Tornando a noi, oggi vogliamo porre l’accento in particolare sul revival anni 70: abbiamo a disposizione una collezione davvero enorme di vinili di qualità per una selection disco-funky anni 70 (e primissimi 80) per aperitivi di classe (Earth, Wind & Fire, The Temptations, James Brown, George Benson e tanti altri), per poi proseguire la serata scatenandosi in pista. Le feste vintage con i vinili hanno qualcosa di magico… e se volete prenotare anche voi un po’ di magia “vinilica”, non vi rimane che cliccare qui, per scoprire il nostro progetto esclusivo “Aperivinyl”, di cui potete vedere (e sentire) un assaggio nel video qui sotto.